mercoledì 26 ottobre 2011

Crying in my beer.

Non ho il tempo per pensare troppo e questo post sarà molto simile a un tema delle elementari, stile “un giorno bellissimo” o “la mia domenica”; il mio quarto anno di università è come un treno, puoi scendere a sgranchirti le gambe ma devi risaltare subito su perché la sosta dura poco. Questo è un momento di sosta, soli io e Jack ad ascoltare gli Screeching Weasel. Che a proposito l'ultimo album mi fa cagare, sembrano i NOFX cazzo.
Stamattina corso opzionale sull'alcolismo, terapia. Trattamento dell'intossicazione e della crisi d'astinenza. Nemmeno la crisi d'astinenza da eroina (più teatrale) è pericolosa quanto la crisi d'astinenza da alcol: l'alcol è una sostanza sedativa, che agisce sul recettore del GABA (a), potenzia l'azione inibitoria del neurotrasmettitore. Praticamente ti iperpolarizza i neuroni, e puoi essere il più paranoia del mondo che in quel neurone non ci passa il potenziale d'azione. L'alcol non fa pensare ma quello lo sapevo già. Quando hai una dipendenza da alcol la tua manopolina viene spostata, il tuo neurone è abituato a essere sedato e cerca una specie di equilibrio. Quando ti levano l'alcol la bilancia si sposta, non hai più il sedativo che mantiene la bilancia e quindi hai una iperattività neuronale, vedi mostri proprio, a parte tremori classici puoi vedere tutti gli animali nelle tue allucinazioni, serpenti, elefanti. Puoi benissimo morire. Ti serve una annaffiata di valium per calmare l'iperstimolazione. Venerdì incontriamo gli alcolisti anonimi. Paradossalmente ho bevuto come una disperata venerdì scorso, sapendo bene tutto quello che stavo facendo al mio corpo. La pulsione di morte è veramente incontrollabile.
Sto seguendo farmacologia e malattie cardiovascolari; una cosa che mi innervosisce è che per forza lo studente di medicina la finisce ad abbreviare i nomi di tutte le materie..e farmaco, e cardio, e uro. E merda. Non lo so magari è per risparmiare tempo per studiare, le parole sono troppo lunghe per lo stud di med. Adesso inizia il tirocinio, anche le mattine occupate. Una piccola guerra per conquistare il gruppo quattro e poter avere i giorni liberi per andare in Polonia da Cinzia.
Sono molto stanca. Sono fiera di me stessa.
Sono felice di essere sola a casa, sono felice di essere sola, sono felice di non essere mai veramente sola.
Ieri mentre segnavo i miei turni di tirocinio seduta nelle scale dell'asse didattico si avvicina una tipa: -sei libera?!
-ah?
-no, devi fare qualcosa, hai lezione?
-no, cioè veramente si, ho lezione alle 3.
-mi servirebbe un favore.
-dimmi.
-mi servirebbe un testimone!
-ah?
-devo dare un'esame, nessuno dei miei colleghi si è presentato mi serve qualcuno che assista!
mi alzo e vado
-che esame è?
-diritto pubblico.
Nonostante la mia quasi totale ignoranza mi sono messa ad ascoltare. Studentessa di riabilitazione psichiatrica, veramente brillante..mi sono fatta una cultura su cosa sia un decreto legge e sul principio di uguaglianza della costituzione e lei si è beccata il suo 30 e lode. Si gira e mi fa un megasorriso, poi sono andata a lezione, felice, quasi l'avessi preso io.
Un po' ho pensato lo stesso, anche senza avere tempo, sarà che mi manca l'effetto sedativo. Pensavo agli amici.
Le persone che veramente ci saranno sempre sono quelle che puoi non vedere per giorni, mesi.. puoi perfino non sentire per giorni e mesi, ma sai che sono lì; quando ci rifai una chiacchierata ritrovi tutto allo stesso fantastico posto. La morbosità distrugge l'amicizia.

8 commenti:

  1. La morbosità distrugge qualsiasi cosa. Tra i post da te scritti questo a mio avviso è sicuramente il più interessante!

    RispondiElimina
  2. L'evoluzione è fondamentale!

    RispondiElimina
  3. Sono perfettamente d'accordo! Mi capita di non sentire alcune persone per "secoli" ma quando ci sentiamo o ci vediamo e come se ci fossimo salutati ieri.

    RispondiElimina
  4. Gran bel post.
    Per un esploratore alcolico come il sottoscritto, ci sono un sacco di spunti.
    Brava.

    RispondiElimina
  5. Post ricco di pensieri sparsi, l'ho letto attentamente, bello un po' malinconico forse. A presto, Nora*

    RispondiElimina
  6. @chris: quelle sono le amicizie "naturali"
    @mrjamesford: grazie,e comunque il tuo blog è una bomba!
    @nora: c' hai preso in pieno. sono molto malinconica in questo periodo, io cerco di dare tutto alla gente e torna indietro solo merda. A parte quei casi fortunati, come scritto sopra "amicizie n a t u r a l i"

    RispondiElimina
  7. Muchas gracias a te!
    E comunque anche tu sembri super yeah!

    RispondiElimina
  8. Mmmh, si capisco bene, succede così anche a me, sarà che è la vita forse, comunque, ripassavo per augurarti un buon fine settimana :) A presto - Nora*-

    RispondiElimina